La percezione

Il primo elemento sul quale è necessario riflettere è che la percezione non identifica il mondo esterno, ma è il risultato di una simulazione ricostruttiva generata dal nostro cervello sotto il controllo di una determinante genetica, delle interazioni tra noi e l’ambiente esterno che ci circonda.

CHE COS’E’ IL COLORE?

Per capire cosa è il colore è necessario parlare del fenomeno della visione. In fisica il colore è un aspetto della sensazione visiva, cioè una percezione visiva generata da segnali nervosi che i fotorecettori della rétina inviano al cervello nel momento in cui vengono assorbite radiazioni elettromagnetiche di determinate lunghezze d’onda e frequenzenell’intervallo dello spettro della luce visibile. Semplificando, cosa accade? Grazie alla presenza di una qualsiasi sorgente di luce siamo in grado di vedere e percepire il colore. E’ necessario specificare che secondo il tipo di sorgente di luce il colore può, in alcuni casi, essere percepito in maniera alterata. La radiazione colpisce un determinato oggetto, viene trasmessa, assorbita e riflessa, e la parte riflessa consente la percezione del colore dell’oggetto stesso. La visione del colore rappresenta un fenomeno complesso per il quale intervengono tre fattori principali: la radiazione luminosa, la composizione chimica e strutturale della materia e le relazioni occhio/cervello.

GMR srl - viale Matteotti 6/h - 24050 Grassobbio (BG) - tel. 035 335188 - gmr@gmr.it - P.I. 01650140161 - Privacy policy
KICKOFF communication