Pagina 2 di 3
26/03/2019

La formaldeide negli ambienti interni

L'importanza di una scelta consapevole per ambienti sani e salubri

Le persone trascorrono il 90% della propria vita in ambienti chiusi e, per la maggior parte degli individui, l'abitazione è il luogo prediletto per rigenerarsi dallo stress giornaliero. Molti fattori influenzano il benessere all’interno della casa: la temperatura, il tipo di riscaldamento, il tasso di umidità e il ricircolo dell'aria, e ancora la luce e i colori.Anche l’eventuale presenza di sostanze dannose presenti nell'aria e la qualità dei materiali utilizzati per la costruzione sono elementi determinanti per preservare e proteggere la salute di chi vive gli ambienti domestici.Un composto molto pericoloso è la formaldeide, un gas incolore, caratterizzato da un odore molto forte e pungente, contenuto nei materiali da costruzione e presente ad esempio nel legno pressato, come il truciolato, nei pannelli di compensato o di fibra, nelle colle e nelle vernici, nei tessuti per stampa e nei rivestimenti isolanti.L’incremento della molecola di formaldeide nell’aria che respiriamo è dovuto anche all’uso di apparecchi a combustione non ventilati, come stufe a gas, stufe a legna e stufe a kerosene.In ambiente domestico tutte le reazioni di combustioni, incluso il fumo di sigaretta e il gas utilizzato per cucinare, aiutano ad incrementare la concentrazione di formaldeide, e, ancora, un’altra causa è da ricercare nei mobili e negli oggetti d’arredo. Particelle di formaldeide vengono infatti rilasciate da alcuni arredamenti in legno pressato, dai mobili in truciolato, compensato o multistrato (soprattutto quando nuovi), da alcune suppellettili in materiale composito a media densità di fibra (MDF) ed in generale da tutti gli oggetti sui quali vengono utilizzate colle e solventi contenenti formaldeide. Anche alcuni tipi di parquet possono rilasciare nell’aria questa molecola.Studi condotti in laboratorio hanno evidenziato che l’esposizione a quantità molto elevate di formaldeide può causare disturbi e malattie.La A.I.R.C. (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) sin dal 2004 ha inserito la formaldeide nell’elenco delle sostanze cancerogene per la specie umana, sia per inalazione che per ingestione. Fra i sintomi più comuni causati dall’esposizione alla formaldeide ci sono stanchezza, insonnia, mal di testa, asma, allergia, tosse e irritazione della pelle.Come difendersi dalla formaldeide?Benché nelle nostre case e negli oggetti di uso comune la formaldeide sia spesso presente solo in basse concentrazioni, ciò non significa che, circondati da una moltitudine di prodotti contenenti questo composto cancerogeno, con il tempo non possano svilupparsi disturbi cronici.Negli ambienti domestici, di lavoro, nelle scuole e ovunque sia preferibile un clima abitativo più sano, è possibile abbattere in maniera significativa la presenza della formaldeide utilizzando pitture a basso impatto ambientale, come CapaSan active di Caparol.La pittura per interni Caparol CapaSan active è un finitura fotocatalitica che cattura e neutralizza i principali agenti inquinanti, fra cui la formaldeide, trasformandoli in composti non nocivi (per questo si chiama “active”); inoltre è in grado di ridurre il deposito di batteri sui muri delle abitazioni, eliminando anche i cattivi odori.CapaSan è stato testato da un ente terzo (il Wilhelm-Klauditz-Institut) per certificare in modo oggettivo le sue proprietà. La prova ha evidenziato un’efficienza molto elevata nella riduzione della formaldeide nell’aria della camera, in modo irreversibile. Già dopo 450 minuti (7,5 h) la concentrazione di formaldeide era diminuita del 70% circa e dopo 1470 minuti (24,5 h) era rilevabile meno del 5% della concentrazione iniziale.La pittura fotocatalitica CapaSan active è contiene biossido di titanio (TiO2), una molecola che, quando è esposta ai raggi UV, permette di ossidare le molecole inquinanti, di decomporre i COV (composti organici volatili), inclusa la formaldeide, e di ridurre la proliferazione dei batteri e la formazione di cattivi odori all’interno degli ambienti.La finitura CapaSan active può essere anche messa in tinta utilizzando pigmenti minerali, garantendo la libertà di scelta di quasi 250 colori pastello.
19/02/2019

PROTEZIONE ANTIRUGGINE PER FERRO, ECCO COME FARE

I migliori prodotti per la protezione del ferro dalla ruggine

Il ferro, comunemente utilizzato per la realizzazione di ringhiere, cancelli e arredi da giardino in genere, è un metallo presente in natura e si trova sempre legato ad altri elementi come il carbonio, silicio, manganese, cromo, nichel, etc.Il ferro unito ad altri elementi dà origine alle leghe, di cui le più conosciute abbiamo l’acciaio e la ghisa, e viene utilizzato in lastre, barre o in tubolari cavi.Un elemento metallico come un cancello o una ringhiera ha la necessità di essere smaltato per protezione dalle principali cause di degrado come ad esempio la ruggine conseguente al gelo, salmastro e piogge acide.La smaltatura del manufatto oltre a proteggerlo permette di rispondere anche a esigenze estetiche riproducendo effetti come l’antichizzato dei ferromicacei o per dare una finitura lucida o satinata. Una delle doti più apprezzate degli smalti è la loro rapidità di asciugatura oltre e la capacità di fare corpo e coprire proteggendo i bordi e gli spigoli.Quindi l’utilizzo di uno smalto di qualità, applicato rispettando le fasi operative, permette di proteggere la superficie del manufatto arginandone il degrado e fornendo un’ampia scelta di soluzioni decorative.Per aumentare la vita del manufatto è sempre preferibile un trattamento antiruggine anche nei casi in cui non siano già presenti evidenti fenomeni. Questi trattamenti consistono nell’applicazione di fondi e finiture applicabili da subito oppure in successive operazioni di manutenzione.Il migliore effetto antiruggine è ottenibile con l’applicazione dello specifico fondo Capalac Rostschutzgrund. Invece, nei casi in cui non sia richiesto un trattamento mirato è comunque possibile fornire una buona protezione utilizzando fondi che abbiano tra le caratteristiche anche la proprietà antiruggine come il Capalac ALLGrund.Applicato il fondo è necessario ricoprirlo con una o più mani di finitura lucida (Capalac Hochglanz-Buntlack) o satinata (Capalac Seidenmatt-Buntlack) in funzione delle necessità estetiche richieste.Al fine di ottimizzare costi e tempi d’intervento è possibile ricorrere a specifici prodotti multifunzione come i “2 in 1” come il Capalac Schutz che permette di assolvere alla funzione di fondo e finitura, oppure i cosiddetti “3 in 1” che aggiungono anche la proprietà antiruggine come il Capalac Dickschichtlack.In contesti marini o altamente corrosivi la funzione antiruggine può non essere sufficiente alla protezione del manufatto, in questi casi è necessario l’utilizzo di prodotti che abbiano anche elevate qualità anticorrosive. Smalti come il Capalac Dickschichtlack & Capalac Schutz garantiscono una eccellente protezione anticorrosiva della più alta classe C4 certificata secondo la norma DIN EN ISO 12944-5. 
08/02/2018

Pittura lucida o opaca?

Cos'è la Brillantezza e Come si Misura

Opaco, satinato o lucido: questo è il problema. Ti sarà già capitato che, quando scegli il colore di un muro, ti viene chiesto quale finitura desideri, perché il colore può cambiare a seconda del grado di brillantezza. Quanto incide la brillantezza sul risultato estetico finale? E come ottenere l'effetto desiderato?  Ecco i parametri da conoscere per scegliere l'effetto di finitura.Cos’è la Brillantezza?La luce, naturale o artificiale che sia, colpisce gli oggetti, le pareti, i mobili della casa e questi possono rifletterla o diffonderla. Questa azione dipende dalle proprietà delle texture. Quando una superficie è lucida riflette la luce specularmente al raggio incidente, mentre una finitura opaca tende a diffondere la radiazione luminosa. brillantezza colori per interni caparol. I gradi di brillantezza influiscono in modo diverso sul colore: texture lucide appaiono più scure e sature, texture opache sono invece più chiare e tenui. Insomma, due colori uguali ma con diversa brillantezza possono apparire differenti.Misurare la BrillantezzaIl metodo per misurare la brillantezza speculare di un film di pittura è determinato dalla norma EN ISO 2813 che prevede l’utilizzo di un apposito strumento: il glossmetro. L’indice di misura è la quantità di luce riflessa a geometrie standard di 20°, 60° e 85° rispetto alla verticale e il risultato è il valore di riflettanza. Per eseguire questa operazione in maniera corretta bisogna seguire un vademecum in 5 passi:Preparare il campione da misurare stendendo un film di pittura e lasciarlo asciugare a 23°C e con il 50 % di UR;Attendere 16 ore per il condizionamento a temperature e tasso di UR costanti;Calibrare il glossmetro;Ripetere la misurazione sei volte in diverse posizioni, in direzione parallela e perpendicolare alla stesura del film;Calcolare la media tra i valori misurati e individuare i range di riferimento. Quali sono i Gradi di Brillantezza?La normativa UNI EN 13300 classifica il grado di brillantezza delle pitture ad acqua per interni, individuando il valore di gloss a partire dal rapporto fra quantità di luce riflessa e di luce incidente. Per valutare la brillantezza speculare a 60° o 85° bisogna prendere in considerazione l’asse verticale come descritto nella EN ISO 2813. In questo modo è possibile distinguere i gradi:Lucido se l’angolo di incidenza è 60° e la riflettanza ≥ 60;Satinato se l’angolo di incidenza è 60° e 85° con una riflettanza <60 e ≥10;Opaco se l’angolo di incidenza è 85° e la riflettanza <10;Superopaco se l’angolo di incidenza è 85° e la riflettanza <5.Nel caso in cui la riflettanza misurata a 60° sia minore di 10, è necessario ripetere la misurazione portando l’angolo di incidenza a 85° e prendere il valore che ne deriva come parametro.A ciascun Muro il suo EffettoSe hai deciso di dare un tocco più moderno alla tua cucina ma non sai da dove partire, basta cambiare l’effetto estetico di una parete per avere un ambiente completamente nuovo. Sia che tu preferisca la finitura lucida, sia satinata od opaca, la linea CapaTex risponde a tutte le esigenze con i suoi idrosmalti sviluppati nei tre gradi di brillantezza. Gli idrosmalti tra cui puoi scegliere sono:CapaTex Gloss 60 per una finitura lucida;CapaTex nelle versioni Ultra, Satin e Satin 20 per l’effetto satinato;CapaTex Matt 5 per risultato opaco. Fonte: www.caparolmedia.it
10/10/2017

Macchie sul Muro e Graffi: Prevenirle con le Pitture Idonee

Le soluzioni Caparol per pareti sempre pulite e perfette

Alcuni ambienti della casa sono più soggetti di altri alle macchie sul muro. Una bibita che si rovescia sulla parete, uno schizzo di sugo dal fornello o un bambino particolarmente creativo che disegna sul muro sono solo alcuni degli esempi più comuni. Prima di scegliere le pitture per interni è bene considerare alcuni aspetti, per evitare di dover ritinteggiare casa molto spesso. Sul mercato esistono diversi tipi di pitture per interni, le cosiddette lavabili, smacchiabili, antigraffio e antimuffa. Vediamo insieme quali sono le caratteristiche che le contraddistinguono.Si possono prevenire macchie e graffi sui muri utilizzando appositi prodotti con elevate prestazioni di resistenza al lavaggio e all’abrasione.Che differenza c’è fra una pittura lavabile e una pittura smacchiabile? Tutte le pitture per interno sono contraddistinte da un valore, chiamato resistenza all’abrasione a umido, che fornisce le informazioni sulla sua durata e pulibilità. Questo valore è normato dalla ISO 11998, che identifica cinque classi di lavabilità. I prodotti che si trovano nella prima classe sono appunto definiti lavabili. La lavabilità è quindi un parametro normato che identifica le pitture con una migliore capacità di pulizia e maggiore resistenza allo sfregamento. Questo, però, non vuol dire che pulendo il muro con un panno la macchia venga via. La pittura lavabile è utile in determinati contesti perché, anche dopo ripetuti sfregamenti, fa sì che la parete non ceda prodotto e il colore non rischia di sbiadire. Non tutte le pitture lavabili, però, sono anche smacchiabili. Si tratta di una falsa credenza, che spesso crea confusione tra le persone. È invece vero il contrario: le pitture smacchiabili hanno una buona lavabilità, quindi oltre a rimuovere facilmente le macchie anche il colore viene preservato. Per prevenire le macchie sul muro è possibile tinteggiare le pareti con una pittura smacchiabile. Il film particolarmente chiuso e compatto di queste pitture ha un’elevata capacità di pulizia, quindi è più facile eliminare le macchie e togliere eventuali tracce di sporco. Le pitture antimacchia non fanno penetrare le sostanze all’interno della parete, per questo è più facile eliminare qualsiasi tipo di sporco. L’efficacia di questi prodotti, però, è strettamente collegata alla tua tempestività. Se intervieni subito o nell’arco di pochi minuti, avrai più possibilità di rimuovere le macchie dal muro. Diversamente, se lasci passare troppo tempo potrebbe essere difficile cancellare le tracce.Le soluzioni di Caparol disponibili in gmr:Caparol Premium Clean, pittura smacchiabile e lavabileCaparol CapaTop, pittura superlavabile in classe 1 di lavabilità e coperturaCaparol CapaMatt, pittura superlavabile in classe 2 con finitura opaca e vellutata.Tinte forti e rischio graffiScegliere di dipingere una o più pareti con tinte forti permette di giocare con i colori come fossero veri e propri elementi d’arredo. Un muro tinteggiato con colori intensi può creare un piacevole contrasto se, ad esempio, hai un arredamento dai toni neutri o una cucina bianca. Attenzione però al pericolo dei graffi. I colori scuri e le tinte accese sono particolarmente delicati: a volte basta sfiorare una parete con una borsa, con un oggetto o anche solo con un’unghia per lasciare un segno indelebile. Per prevenire questo tipo di incidenti è meglio scegliere pitture con un’alta resistenza ai graffi, per evitare l’effetto scrittura tipico dei colori intensi. Un prodotto colorato in una tinta forte mostra più facilmente i segni da sfregamento, quindi è importante che la pittura utilizzata per tinteggiare abbia anche una classe di lavabilità alta. Le pareti soggette a sollecitazioni, urti e sfregamenti richiedono quindi l’applicazione di una pittura protettiva antigraffio superlavabile che assicura superfici sempre perfette.La soluzione di Caparol disponibili in gmr:Caparol Premium Color, pittura resistente al graffio, smacchiabile e lavabile.Perché scegliere una pittura antimuffa?Diverso è il caso della muffa. Le macchie scure che si formano in bagno o negli angoli delle pareti sono dovute all’elevato tasso di umidità degli ambienti. Oltre che antiestetiche, queste macchie sul muro sono anche pericolose: la muffa, infatti, emana tossine dannose per la salute, che possono causare allergie, dermatiti e malattie respiratorie, soprattutto nei bambini. Per prevenire la formazione di questo fungo devi utilizzare prodotti specifici per la pitturazione d’interni addizionate con un principio attivo idoneo resistente alle muffe. Per ridurre l’umidità ed evitare la formazione della condensa è comunque consigliato aerare spesso i locali, aprendo le finestre per 10/15 minuti tutti i giorni. Per proteggere i muri di casa dalle macchie, dai piccoli incidenti domestici o per preservare la brillantezza del colore delle pareti in luoghi molto frequentati o per prevenire la formazione della muffa, scegli pitture resistenti e di qualità che durano nel tempo.Le soluzioni Caparol disponibili in gmr:Caparol Capatox, disinfettante biocida per la rimozione delle muffeCaparol Indeko-W, pittura lavabile con la miglior resistenza alle muffeCaparol Capaweiss-W, pittura traspirante con ottima resistenza e prevenzione alle muffe.Fonte: www.caparolmedia.it
Pagina 2 di 3
GMR srl - viale Matteotti 6/h - 24050 Grassobbio (BG) - tel. 035 335188 - gmr@gmr.it - P.I. 01650140161 - Privacy policy
KICKOFF communication